mercoledì 13 agosto 2008

Cassano illumina, la Sampdoria fa tris alla Carrarese

CARRARA (MS) - Un buon test, che serve a mettere fieno in cascina. Un buon test perché nelle gambe della Sampdoria ora c’è qualche minuto e un poco di fiato in più, perché la pimpante Carrarese di Aldo Firicano (Seconda Divisione della Lega Pro, la “vecchia” C2) s’è dimostrata avversaria tosta e perché Antonio Cassano è tornato in campo dopo un mese e mezzo abbondante tra vacanze e allenamenti. Nell’afosa calura del “Dei Marmi” - la temperatura percepita è di circa 40 gradi - e sotto lo sguardo interessato del c.t. della Nazionale Marcello Lippi, i ragazzi di Walter Mazzarri la spuntano per 3-1 (in gol Marilungo, Franceschini e Stankevičius), mentre Peter Pan delizia per un’ora buona il pubblico accorso in massa ai piedi delle Alpi Apuane: le movenze sono quelle di sempre, quelle giuste; peccato che i polmoni e la condizione fisica non lo assistano ancora appieno.

In campo - Gioca dunque Cassano, ad appoggiarlo in attacco è il baby Marilungo. Mazzarri deve infatti rinunciare a Bonazzoli (a casa, a Bogliasco, per precauzione) e Fornaroli (a casa, in Uruguay, per risolvere alcune pratiche burocratiche), oltre che al nuovo acquisto Jonathan Bottinelli, in tribuna col papà e la dirigenza blucerchiata. Non ci vorrà molto per vedere all’opera el blondo marcador argentino: forse esordirà già sabato pomeriggio al “Picco” di Spezia, contro il Siena. Oggi intanto in difesa agiscono Campagnaro, Lucchini e Rossini. La metà-campo risulta inedita col trio Delvecchio-Palombo-Poli a distruggere e creare; la coppia Padalino-Ziegler sfreccia sulle corsie laterali. Tra gli azzurri locali del genoanissimo patron Oppicelli e del neo-direttore della comunicazione Graziano Cesari, si riconosce il fratello maggiore del blucerchiato olimpico Dessena, Marco, portiere classe ’86.

Si gioca - Il sole fa di rado capolino. L’afa e l’imprecisione dominano la prima frazione. Le gambe e le menti dei doriani non viaggiano di pari passo; vanno a mille invece quelle della Carrarese, squadra in palla, vivace, in grado di tenere spesso e volentieri il pallino del gioco. Campagnaro e Lucchini ballano dietro; Poli non si vede mai, Padalino è un po’ troppo approssimativo. E così il Dessena toscano può dormire sonni tranquilli. Gli azzurri, a differenza del Doria, provano l’affondo con maggior insistenza: divertono, a folate, ma divertono e mettono i brividi agli ospiti prima con Micchi (20’), poi con Sicignano (23’). Da una parte si cerca Cassano; dall’altra Concas (vedi sotto) e Vincenzi, il 7 e il 10 locali, i due meglio dotati in tema di tecnica. E alla mezz’ora proprio Vincenzi estrae dal cilindro l’1-0, grazie ad un destro al fulmicotone che supera Mirante, senza colpe nell’occasione. Sarà pure un’amichevole, ma sul prato verde e sugli spalti a maggioranza blucerchiata i padroni di casa fanno comunque festa. La festa carrarese dura poco perché Marilungo, al 34’, sfrutta una dormita della difesa azzurra, la taglia in due e batte l’estremo difensore. Parità e intervallo meno “pesante”. Il mister di San Vincenzo si fa sentire negli spogliatoi e cambia qualcosa. La Sampdoria cresce e fa pesare la sua superiorità a tutto tondo.

La chiave - Ci pensa Antonio da Barivecchia - poco prima di lasciare il posto a Sammarco e prendersi la solita razione di applausi - a mettere la freccia: scappa sulla sinistra, esegue uno slalom dei suoi tra le gambe avversarie e centra per Franceschini, sinistro, 1-2 e fase di stanca successiva. A spezzare la frenetica monotonia delle sostituzioni è poi Stankevičius. Il tris finale del lituano arriva al 74’ per mezzo di una splendida girata mancina dal limite dell’area.

La chicca - “E chi o l’è quello sette lì?”. La tribuna del “Dei Marmi” parla zeneize e si domanda chi sia, da dove venga, perché giochi in C2 quel morettino della Carrarese, con la maglia numero 7 sulla schiena, un tipetto capace di mandare in crisi Campagnaro e far ballare per più di un’ora un’intera retroguardia di Serie A. Sorpresa delle sorprese, quel guizzante esterno offensivo si chiama Fabio Concas. E beh, direte voi? Sentite un po’ qua: ha ventuno anni, viene da Cornigliano (ponente genovese), è cresciuto nelle giovanili blucerchiate ed è… sampdorianissimo. Riprenderlo subito? No, ci mancherebbe, resta pur sempre una singola partita e per di più da catalogare alla voce calcio d’agosto. Però, magari, un’occhiatina ogni tanto...

Top&Flop - Di Cassano s’è già parlato. Note liete arrivano da Gastaldello, Franceschini e Stankevičius. Deconcentrato e a corto di benzina Campagnaro, a sorpresa il peggiore; distratto Accardi; impalpabile Poli, in quel ruolo di mezzo-sinistro troppo avulso dalla manovra. Senza infamia né lode il resto della truppa.

Federico Berlingheri

Tabellino

Carrarese-Sampdoria 1-3

Marcatori: 31’ Vincenzi, 34’ Marilungo, 59’ Franceschini, 74’ Stankevičius

Carrarese (4-3-3): Dessena 6 (73’ Giarnera 6); Sicignano 6,5 (58’ Marchetti 5,5), Briotti 6, Del Nero 6 (73’ Triscia 6), Pennucci 6; Falivena 6,5 (68’ Sassarini 6), Rinaldi 6 (53’ Vaira 6), Concas 7,5 (68’ De Gubernatis 5,5); Vincenzi 7 (60’ Manzoni 6), Micchi 6 (53’ Spanu 5,5), Doretti 6 (58’ Bigazzi 5,5). All. Firicano 6,5

Sampdoria (3-5-2): Mirante 6 (46’ Fiorillo s.v.); Campagnaro 5 (54’ Accardi 5,5), Lucchini 5,5 (80’ Grieco s.v.), Rossini 5,5 (46’ Gastaldello 6,5); Padalino 5 (60’ Stankevičius 6,5), Delvecchio 5,5 (70’ Eramo 6), Palombo 6, Poli 5 (46’ Franceschini 6,5), Ziegler 5,5 (60’ Pieri 6); Cassano 7 (60’ Sammarco 6), Marilungo 6 (51’ Mustacchio 6). All. Mazzarri 6

Arbitro: Tasso di La Spezia 5,5


(Goal.com, 13 agosto 2008)

6 commenti:

Massimiliano ha detto...

Ciao Federico,
non posso che rinnovare i miei complimenti tutte le volte che leggo i tuoi articoli. Scrivi veramente bene e soprattutto non fai una fredda cronaca degli eventi, ma la rendi vivace infarcendola di siparietti simpatici. Avanti cosi'.
Per quanto riguarda la Samp: e' ovvio che le amichevoli d'agosto non contano molto, anche se qualche spunto a Mazzarri la partita di oggi deve averla data.
Io continuo a pensare che una punta forte sia l'ultimo pezzo per completare una rosa comunque molto competitiva. Ma probabilmente non arrivera'.

A presto.

Massy.

Federico ha detto...

Ciao Massy,
grazie, per l'ennesima volta.
Come ha detto Antonio questo pomeriggio, mi auguro che Beppe faccia il miracolo...
A presto,
F.

Anonimo ha detto...

con un paio di ritocchi, questa squadra arriverebbe a istanbul. e sarebbe già qualcosa. sempre fare trenta, mai trentuno, anche a quei tempi là. dannazione.
ciao
s

Federico ha detto...

Dici bene, Ste. Ahimé, dici bene.
Ciao,
F.

Cyntia ha detto...

Forza Doria!

Ciao, Ciao, Federico. Mi auguro che il campionato comincie presto. Non vedo l'ora de vedere la Samp!

Saluto dal Brasile

Federico ha detto...

Ciao Cyntia,
anche io sono piuttosto impaziente e sono fiducioso...
Saluti da Genova ricambiati!
A presto,
F.