venerdì 8 maggio 2009

Parla Bellucci, il veterano: «Anche se da fuori, rivoglio la Coppa Italia»

GENOVA - «Sto molto meglio. Si tratta di una rieducazione più di pazienza che di recupero fisico ma il tempo c’è. Punto a presentarmi in ritiro, pronto a riprendere la preparazione coi compagni». Per ora, però, Claudio Bellucci è costretto a star fuori e a mangiarsi le mani. Da semplice tifoso, sarà infatti obbligato a seguire quei suoi stessi compagni che mercoledì prossimo, il 13 maggio (ore 20,30), affronteranno la Lazio nella finalissima di Coppa Italia. «Mi dispiace star fuori - ammette il centravanti blucerchiato, convalescente dopo il terzo intervento chirurgico in due stagioni -. Dispiace anche perché dopo un anno e mezzo di guai fisici non potrò giocare una partita così importante. Di sicuro sarò vicino alla squadra, la seguirò anche a Roma, sperando di tornare a casa con la coppa».

Di Coppe Italia in bacheca, Bello - unico doriano di oggi ad aver sollevato un trofeo alla Sampdoria - ne ha già messa una. Stagione ’93-94, anno d’esordio in prima squadra con Ruud Gullit in campo e Sven-Göran Eriksson in panchina: «Sì, è vero e sarebbe una cosa straordinaria vincerla nuovamente. Fu un’emozione grandissima, quella di quindici, lontani anni fa: fu il primo e unico trofeo della mia carriera; mi auguro che questo possa essere il secondo».

L’ostacolo-biancoceleste non sembra affatto agevole da superare. «La Lazio ha una grande chance - conclude Bellucci -, quella di giocare in casa; però penso possa rivelarsi per loro un’arma a doppio taglio perché si sentiranno obbligati a vincere. Noi siamo consapevoli di potercela giocare alla pari, in campo e sugli spalti, dove avremo dalla nostra moltissimi tifosi. Per me che sono romano (e di stirpe romanista, ndr) sarebbe veramente il massimo vincerla a Roma, ma lo sarebbe anche per tutta la gente sampdoriana». Gente che, tra aerei, pullman e treni, si sta mobilitando in massa per invadere l’“Olimpico”: dopo due giorni di vendita sono circa 12mila i biglietti già polverizzati.

Federico Berlingheri
(il Giornale, 8 maggio 2009)

2 commenti:

http ha detto...

We Fede, ma non hai scritto l'articolo del derby, peccato, comunque sarebbe troppo bello vincere la Coppa Italia anche se prevedo che sarà una lotta, anche la Lazio si gioca tutto in stagione e lo fa con il suo pubblico, speriamo bene, con la Reggina terrei a riposo tutti. Saluti!

Ah la Coppa Italia la fai te?

Federico ha detto...

Ciao!
Eh, purtroppo (o per fortuna...) non ho dovuto scrivere nulla. Contro la Reggina, penso che Mazzarri sia della tua stessa opinione.
Per la Coppa Italia, me lo auguro davvero di vincere: sarebbe un sogno.
Sarò a Roma per Samp Web Tv, questo sicuro. Non so ancora se dovrò scrivere qualcosa.
A presto,
F.