martedì 2 giugno 2009

Adesso è ufficiale: Del Neri torna alla Sampdoria

GENOVA - Niente più dubbi, adesso: Luigi Del Neri è il nuovo allenatore della Sampdoria. Ieri, all’ora di pranzo, la società blucerchiata ha ufficializzato l’ingaggio dell’ex tecnico di Chievo e Atalanta, ringraziando al contempo il partente Walter Mazzarri, che l’annuncio del divorzio l’aveva già dato domenica scorsa nella pancia del “Barbera” di Palermo e che proprio al Palermo potrebbe trasferirsi.

Niente più dubbi, adesso. Si ripartirà con Del Neri, il terzo allenatore dell’era-Garrone; si ripartirà dal suo 4-4-2 marchio di fabbrica. Anche se in fondo due perplessità restano ancora: la prima riguarda la durata del contratto che lo legherà al club di Corte Lambruschini - si parla di un biennale -; la seconda la corretta grafia del suo cognome: Del Neri o Delneri? L’anagrafe di Aquileia (Udine), dove nacque il 23 agosto del 1950, parla di una parola sola, Delneri, poi tramutata in due a partire dal ’66, quando si mise in luce con la maglia biancazzurra della Spal e le cronache locali cominciarono a scriverlo separato. Quisquilie: ci saranno tempi e modi per chiarirlo.

Fatto sta che la (nuova) avventura doriana di Del Neri - o Delneri che scriver si voglia - prenderà il via domattina alle ore 11,30. L’appuntamento è allo Starhotel President di Brignole dove il biondo mister friulano sarà presentato insieme col suo staff. Staff che sarà così formato: come a Bergamo, il chiavarese Francesco Conti gli farà da allenatore in seconda, il professor Roberto De Bellis sarà il preparatore atletico mentre la novità del quartetto rispetto al biennio atalantino sarà la presenza di Guido Bistazzoni al posto del fido Nello Malizia. L’attuale preparatore dei portieri della Primavera doriana è stato infatti promosso in prima squadra proprio su suggerimento del nuovo allenatore, che con Bistazzoni giocò in blucerchiato nell’annata ’80-81.

Già, perché per l’artefice principale del miracolo-Chievo dei primi anni Duemila il prossimo sbarco sotto la Lanterna blucerchiata non è altro che un ritorno. Stagione ’80-81, appunto. Il Doria militava in Serie B; il presidente Paolo Mantovani aspirava alla promozione e acquistò quella baffuta mezzala dall’Udinese per rinforzare la mediana. Esperto trentenne, Del Neri disputò a Genova soltanto una stagione, in cui la formazione di Riccomini mancò di poco la massima serie classificandosi al quinto posto.

Prima di ripartire alla volta di Vicenza, fece in tempo a disputare 33 presenze in campionato (più due in Coppa Italia) e a segnare un gol ai cugini del Genoa, un gol che è diventato leggenda. Era il 7 dicembre 1980 e Gigi, sorretto dalla tramontana, segnò sotto la Sud direttamente da calcio d’angolo. Gol che non bastò per vincere quella stracittadina - subito pareggiata da un rigore da Manfrin -, ma che resta, a distanza di quasi trent’anni, di un buon auspicio per il futuro.

E a proposito di futuro, Daniele Dessena e Andrea Poli, due giovani che del progetto-Del Neri dovrebbero far parte, sono stati convocati dal c.t. Casiraghi per il prossimo Europeo Under 21, in programma in Svezia dal 15 al 29 giugno.

Federico Berlingheri
(il Giornale, 2 giugno 2009)

2 commenti:

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Del Neri è solito firmare contratti della durata di un anno e credo che anche stavolta abbia fatto così: sono curioso di sentire Marotta domani come motiverà questa scelta che ancora adesso mi trova basito...ciao!

Federico ha detto...

Ciao Andrea,
dovrebbe aver firmato un contratto annuale con opzione per il secondo.
Si tratta comunque di buon tecnico: io prima di condannare la scelta, aspetterei...
A presto,
F.